spartaco
UTRtek Correctly sistem

La Secca di Zì Paolo

Andare in basso

La Secca di Zì Paolo

Messaggio Da Marcello il Ven Lug 29, 2011 2:30 pm

[i]Salve amici, è un pò che non ci si sente, ma sono stato un pò in giro per il mondo: prima un mese negli Stati Uniti (sono riuscito anche a fare un paio di tuffi alle Keys Islands, in Floriida!!) e poi due settimane a Porto Ercole per il corso Trimix Tek 1.
Durante le scorse settimane sono riuscito anche a fare un bellissimo tuffo in un posto in cui non ero mai stato e nel quale tornerò la prossima settimana: le Formiche di Grosseto.
Esccovi il mio racconto.[/i]


Le [b]Formiche di Grosseto[/b] si trovano in mare aperto, a 13 miglia da Porto Santo Stefano e a 11 miglia da Castiglione della Pescaia. Sono formate da tre scogli emersi e da una piccola isola disabitata con un faro. Fortunatamente sono pochi i visitatori di questo posto ancora incontaminato, dove i banchi di pesce nuotano indisturbati e i fondali sono ancora intatti, e ciò permette di ammirare una ricchissima fauna e pareti ricoperte di grandi rami di gorgonie.
La nostra meta è la [b]Secca di Zi’ Paolo[/b], situata a nord-ovest della Formica Grande. Una secca che ha il cappello intorno ai 6 metri e precipita su un fondale sabbioso fino ai 65 metri di profondità. Le pareti della secca sono molto varie e colorate. Di particolare interesse è la parete rivolta a est.

Sabato 16 luglio partiamo da Castiglione della Pescaia con il gommone di 7,40 mt. del nostro amico Sandro Costa (l’istruttore che - povero lui - nel 2007 brevettò “decompression diver” i due “vecchietti terribili”) che ci ha invitati più volte ad andarlo a trovare. Ed eccoci qui finalmente!
Io e Angela ci troviamo da una settimana a Porto Ercole, alle prese con il corso Trimix Tek 1 di UTR e, dopo giorni ininterrotti di lezioni ed esercizi in acqua, ci siamo concessi una giornata di vacanza per fare un tuffo ricreativo con il nostro amico. Perciò, lasciati i pesanti bibo a Porto Ercole, ci presentiamo nel porto canale dove è ormeggiato il gommone con un bel 15 litri di aria a 240 bar e una stage di EAN50 per la deco.
A bordo con noi ci sono Giorgio (un istruttore amico di Sandro) con un suo allievo che sta facendo il corso dive master e Franco, un altro istruttore che scenderà in acqua con noi.
Ho sempre sentito parlare bene delle Formiche e, nonostante abbia fatto centinaia di immersioni nella zona tra l’Argentario, il Giglio e Giannutri, non ho mai avuto occasione di andarci. Oggi è la volta buona!
Dopo una breve navigazione con il velocissimo gommone (due motori da 225 CV!!) arriviamo sul punto d'immersione e caliamo l’ancora proprio sul cappello della secca. Il tempo è splendido, ma c’è una discreta corrente, almeno in superficie. Indossiamo la stagna, prepariamo con calma la nostra attrezzatura e giù in acqua. Apre il nostro gruppetto Sandro, che fa da guida, poi lo seguiamo io e Angela e Franco chiude stando in coda.
L’acqua è limpida (anche se i nostri amici mi diranno che a volte è molto meglio...!!) la temperatura è gradevole e la corrente, una volta superato il cappello della secca si riduce notevolmente. Iniziamo la discesa in parete tenendola sulla sinistra. La vegetazione in questo tratto è spettacolare, con grandi rami di paramuricea e di axinella e con anemoni e spirografi che ricoprono letteralmente tutta la parete. Ci sono anche molti astrosparthus (la stella gorgona) attaccati ai rami delle gorgonie rosse che creano un effetto cromatico bellissimo. Intorno ai 35 metri di profondità superiamo uno sperone di roccia, poi scendiamo ancora oltrepassando un canyon che si trova intorno ai 42 metri, che abbiamo deciso di esplorare al ritorno durante la risalita. Guardando nel blu vediamo grossi dentici e tanute; incontriamo anche ricciole e barracuda. C’è davvero molto pesce qui al largo! Il termoclino è notevole e l’acqua adesso è diventata piuttosto fresca, ma con la muta stagna non abbiamo grossi problemi.
Proseguiamo ancora per un po’ la discesa sino ad arrivare a un grottino che si apre sul fondo sabbioso intorno ai 55 metri di profondità. Illuminiamo con le nostre torce la cavità e vediamo che è popolata da una miriade di gamberetti rossi e da grosse musdee. A bordo durante il briefing abbiamo deciso che questo è il nostro punto di ritorno, perciò controlliamo il gas, ci facciamo il segnale e iniziamo la risalita tenendo la parete sulla destra.
Arrivati al canyon cominciamo a fare i nostri deep stops, ammirando le aragoste che popolano ogni spaccatura della roccia. Risalendo ancora un po’ lungo il piccolo canyon arriviamo a una risorgiva di acqua termale calda. Nelle fenditure della parete ci sono tane di murene e scorfani. L’acqua sembra più limpida, la corrente ha girato e la decompressione si preannuncia piacevole. Saliamo ancora fino ai 21 metri dove facciamo il cambio gas e poi su piano fino ai 6 metri del cappello della secca, dove terminiamo la nostra decompressione. Una sola parola: [b]BELLISSIMO![/b]
A bordo ci aspettano un paio di bottiglie di vino fresco, focaccia e pizza di vario genere e un bel dolce.
Ragazzi che spettacolo!! immersione
avatar
Marcello

Numero di messaggi : 188
Età : 66
Località : Riviera del Conero (AN)
Data d'iscrizione : 08.03.09

http://www.marpola.it

Torna in alto Andare in basso

Re: La Secca di Zì Paolo

Messaggio Da spartaco il Mar Ago 02, 2011 5:51 am

Non avevo dubbi che ti sarebbero piaciute le Formiche di Grosseto.

Sono da scoprire immersione dopo immersione. Incontri di tutti i tipi, dal pesce stanziale a quello di passo; non è raro incontrare tonnetti e lampughe.

Ma il massimo del fascino è quando si risale dai fondali oltre gli 80 metri, la nitidezza dell'acqua ti permette di valutare l'estenzione di queste pareti.

Il forte contrasto dei colori nella fascia tra 70 e 35 metri rende uniche queste immersioni. Speriamo solo di riuscire fare questi tuffi insieme.
avatar
spartaco

Numero di messaggi : 552
Età : 55
Località : Firenze
Data d'iscrizione : 04.12.08

http://www.sub-way.it

Torna in alto Andare in basso

Re: La Secca di Zì Paolo

Messaggio Da Marcello il Mar Ago 02, 2011 6:44 am

70-80 metri.... non sono certamente alla mia portata Spartaco....!!
Ad ogni modo anche "più su" quel posto è fantastico!!! immersione

Io ci ritorno [b]da domani a venerdi[/b].... se vuoi raggiungerci.....

Parto oggi per Grosseto e abbiamo previsto 3 tuffi con partenza da Castiglione. Il gommone è grande, il mio numero ce l'hai.... vedi tu.....

A presto!
avatar
Marcello

Numero di messaggi : 188
Età : 66
Località : Riviera del Conero (AN)
Data d'iscrizione : 08.03.09

http://www.marpola.it

Torna in alto Andare in basso

Re: La Secca di Zì Paolo

Messaggio Da spartaco il Mar Ago 02, 2011 11:17 am

Problemi familiari purtroppo mi trattengono.

Verrei volentieri......

un caro saluto ad Angela, ciao
avatar
spartaco

Numero di messaggi : 552
Età : 55
Località : Firenze
Data d'iscrizione : 04.12.08

http://www.sub-way.it

Torna in alto Andare in basso

Re: La Secca di Zì Paolo

Messaggio Da Marcello il Sab Ago 06, 2011 2:36 pm

Ciao Spa, sono tornato ora da Castiglione...
Nei giorni scorsi ho fatto altri due tuffi stupendi alle Formiche, esattamente alla Formica di Mezzo.
Il primo tuffo dove ci sono i cocci delle anfore romane e il secondo lungo la parete in fondo alla quale si apre un grottino a 62 metri.
Acqua limpidissima. Mai vista una visibilità simile. fino ai 40 metri tanta mucillagine, ma sotto gorgonie stupende, un mucchio di astrospartus e persino un bellissimo ramo di falso corallo nero.... !!! immersione
Ho fatto i tuffi in aria e, data la profondità (intorno ai 61-62 mt) avrei preferito usare un bibo con un bel trimix, ma ero troppo distante da Simone.
Per il momento niente miscele... se ne ne riparlerà dopo metà settembre, dopo il ritorno da Palinuro. Torneremo ancora da Simone. immersione
A risentirci. Dai un bacio a Patrizia.
avatar
Marcello

Numero di messaggi : 188
Età : 66
Località : Riviera del Conero (AN)
Data d'iscrizione : 08.03.09

http://www.marpola.it

Torna in alto Andare in basso

Re: La Secca di Zì Paolo

Messaggio Da spartaco il Lun Ago 08, 2011 5:50 am

Bella roba, l'immersione con vista sulla grotticella a -62 si tratta della " Bifora".

Sicuramente una delle più suggestive.

Quando rientri ci sentiamo, magari la prossima volta combiniamo qualcosa insieme.

Ciao
avatar
spartaco

Numero di messaggi : 552
Età : 55
Località : Firenze
Data d'iscrizione : 04.12.08

http://www.sub-way.it

Torna in alto Andare in basso

Re: La Secca di Zì Paolo

Messaggio Da Marcello il Lun Ago 08, 2011 7:05 am

Questo è il video girato da un mio compagno d’immersione durante il mio tuffo del 5 agosto lungo la parete della Formica Media, fino al grottino a 62 di profondità popolato di gamberetti rossi e di grandi musdee.
Nel filmato, ripreso con una piccola telecamera montata sulla testa di Andrea che mi seguiva, si notano dei bellissimi astrospartus completamente aperti e si capisce la visibilità e la luce eccezionale a quella profondità.
Buona visione! immersione
https://www.youtube.com/watch?v=wg8MaCtAt0s&feature=share
avatar
Marcello

Numero di messaggi : 188
Età : 66
Località : Riviera del Conero (AN)
Data d'iscrizione : 08.03.09

http://www.marpola.it

Torna in alto Andare in basso

Re: La Secca di Zì Paolo

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum