spartaco
UTRtek Correctly sistem

Il primo tuffo dell'anno.

Andare in basso

Il primo tuffo dell'anno.

Messaggio Da Marcello il Mar Mar 17, 2009 5:06 pm

Non so se questa sia la sezione del Forum più appropriata (chiedo scusa.... :oops: ), ma dato che qui si parla di immersioni, vi voglio regalare il racconto del mio primo tuffo del 2009 (che vergogna.... :oops: ), sperando di riuscire a trasmettervi le mie EMOZIONI profonde!!! :D Buona lettura!:)

[b]Prima immersione dell’anno…[/b]
Ed eccomi di nuovo qui… nell’acqua. Dopo mesi di forzata lontananza dal mio elemento, ecco che finalmente quello che ho desiderato per giorni e giorni si realizza in una bella domenica di marzo, in cui si sentono ormai prepotenti i segnali dell’imminente primavera.
La baia di Numana è deserta. Del resto sono appena le 8.30 di domenica mattina e solamente io e la mia compagna ci troviamo ad armeggiare con tutta la nostra attrezzatura sulla spiaggia, a pochi metri dall’acqua.
La guardo… la studio e cerco di interpretarne la temperatura. Deve essere fredda, perché l’acqua è molto limpida. La superficie è appena increspata da una leggerissima brezza da scirocco, ma si vede benissimo il fondo, anche se qui sulla riva la profondità è molto bassa. Aspettami. Sto arrivando. Sono mesi che mi chiami quando mi affaccio dalla terrazza della mia casa che guarda il mare… ma prima non potevo. Oggi si. Oggi il richiamo è stato più forte e non ho più potuto resistere. E adesso finalmente sono qui. Di fronte a te, mare. Pronto a farmi abbracciare come solo tu sai fare. Pronto a disciogliermi dentro di te, sino a divenire un tutt’uno. Come accade sempre. Eccomi. Arrivo.

Pochi rapidi gesti e le nostre attrezzature sono pronte. Sono gesti ripetuti meccanicamente centinaia di volte, preludio al momento più bello: quello in cui finalmente mi potrò immergere. Ecco, ora tutto è pronto. Lentamente percorriamo i pochi metri che ci separano dalla battigia e entriamo nell’acqua. Finiamo di sistemate l’attrezzatura, indossiamo le pinne e avanziamo fino a dove non si tocca. Un cenno di ok alla mia buddy e finalmente sono con la testa sott’acqua. Sgonfio il gav, espello l’aria dai polmoni e il mio corpo comincia ad affondare lentamente. Assumo la posizione di discesa e mi lascio inghiottire dall’acqua che mi circonda. Adesso sto bene.

Nel momento di distacco dalla superficie, mentre il mare mi abbraccia completamente il mio cervello stacca dal mondo terreno e molti pensieri mi passano per la mente. Cerco di razionalizzarli. Questo mi aiuta a capire e a capirmi. In quel preciso momento io sono solo con me stesso. Tutto il resto non conta più: l’ho lasciato quassù, in un'altra dimensione che sento sempre più lontana man mano che scendo e comincio a sentire il flusso regolare delle mie bolle e il battito cadenzato del mio cuore.
Pensieri, sensazioni, emozioni… descriverle a parole non è facile. Finalmente riprovo quella sensazione di benessere e di pace totale che sento ogni volta che sono nel "mio" mare e l’immersione, amplificando la dimensione del silenzio che mi circonda, mi aiuta a percepire la voce della mia anima… quella che lassù, nell’altro mondo, si confonde e si disperde tra i mille rumori della vita terrena.

Vorrei “sentire” l’acqua, ma la muta stagna mi impedisce il contatto liquido. Comunque sono nell’acqua: è questo che conta e mi sento bene lo stesso immerso nel mio elemento. La visibilità è superiore alle mie aspettative. Sembra di nuotare in una piscina, tanto lo specchio d’acqua della baia è calmo e trasparente. Scendo sul fondo e osservo la mia compagna che mi segue da vicino, trascinando la boa segna sub alla quale abbiamo attaccato diversi chili di scorta. E’ la prima immersione dell’anno e con un gav nuovo. Chissà come sarà l’assetto? Bastano pochi minuti per capire che non occorrono pesi supplementari. Le prove di assetto con il mio nuovo gav procedono perfettamente. Gonfio e sgonfio più volte, provo le regolazioni. E’ fantastico questo Halcyon: sembra davvero di non avere nulla addosso. Il saco posteriore mi da la massima libertà di movimento ed essendo di forma circolare sostiene anche il fondo della bombola e mi “costringe” a stare in assetto. Pian piano prendo sempre maggior confidenza con la mia nuova attrezzatura e me ne sento padrone. Si è veramente bello questo attrezzo!

Immerso nell’acqua il tempo scorre lentissimo. Mi sembra di sentire lo scandire di ogni secondo che passa e sento di nuovo quella sensazione di benessere che solamente quando sono in acqua riesco a provare. Nuoto lentamente a rana facendo il minimo sforzo. Le mie Tech Fin danno una spinta potente senza richiedere nessuna fatica. Di tanto in tanto mi volto ad osservare la mia buddy che mi segue appena a qualche metro di distanza. E’ in assetto perfetto. Bella da vedere, elegante, distesa… nuota lentamente e si vede che è perfettamente a suo agio nell’acqua. Mi fermo un istante e l’aspetto. Poi comincio a nuotarle accanto. Proseguiamo così per un po’, immersi nei nostri pensieri. Non so che cosa lei stia pensando, ma so che io mi sento bene qui insieme a lei. Immergersi con un altro essere umano crea un rapporto di grande intimità. Farlo con qualcuno che stimi per capacità ed esperienza è molto tranquillizzante e dà fiducia. Ma farlo con qualcuno che ami, fa sperimentare una gioia condivisa e una dipendenza reciproca che rafforza ancora di più il legame esistente. L’intesa con la mia compagna in acqua è perfetta. Anni ed anni di immersioni condotte in qualunque condizione, ci hanno fatto raggiungere una simbiosi perfetta. Sottacqua la comunicazione non è verbale, ma una leggera stretta di mano o una semplice occhiata assumono un significato particolare e più inteso, che solo il tuo compagno di sempre può capire.

Di tanto in tanto raccolgo una conchiglia dal fondo e gliela faccio vedere. Poi vediamo alcune piccole lepri di mare di colore bruno che nuotano eleganti. Una granceola cammina sulla sabbia facendo dei buffi ricami. Un grosso sciarrano si trova immobile al riparo di un masso. Sembra dormire. Lo sfioro appena con le dita e guizza via impaurito. Ancora una lepre di mare. E’ incredibile quanta vita ci sia qui in solo pochi metri d’acqua, davanti alla spiaggia che d’estate è affollata di bagnanti. Oggi non c’è nessuno. Solo noi con le nostre bolle, che vedo salire sino in superficie a formare grossi cerchi sull’acqua. Il silenzio è fantastico.
Ancora pensieri… mentre mi sento benissimo, completamente avvolto dall’acqua che sento come un velo protettivo tutto attorno a me. Mi immergo perché è la mia vita, la mia passione, il mio amore… Non vorrei mai che finisse tutto ciò: è troppo bello… troppo intenso.

D’un tratto mi rendo conto che è passato parecchio tempo. Lei mi fa segno che comincia ad avere freddo. E’ giunto il momento di ritornare. A malincuore inverto la mia rotta e seguo le dune di sabbia che indicano la direzione della riva. Lentamente arriviamo nell’acqua bassissima del bagnasciuga e, una volta messici in ginocchio, la nostra testa affiora fuori del pelo dell’acqua. E’ finita. Di nuovo la vita terrena… il rumore. La spiaggia si è popolata di persone che sono venute a godersi il primo sole di marzo. Alcune, forse stupite da questo bagno fuori stagione, ci guardano con curiosità domandandosi da dove siamo sbucati fuori. Da un altro mondo. Quello che voi non conoscete e che non potete capire. Quello in cui ci sono le cose più belle da vedere, ma soprattutto… il silenzio. L’infinito silenzio che ti costringe ad ascoltarti e che ti fa capire.

Prima immersione dell’anno. Non importa quello che abbiamo visto. Non importa la profondità, la temperatura, il consumo dell’aria... Quello che importa è che ho ritrovato me stesso e che sono di nuovo pronto per un anno di emozioni profonde: quelle che solamente il mare mi sa dare.

[i]Marcello Polacchini 15 Marzo 2009 ><))))))°>[/i]
avatar
Marcello

Numero di messaggi : 188
Età : 66
Località : Riviera del Conero (AN)
Data d'iscrizione : 08.03.09

http://www.marpola.it

Torna in alto Andare in basso

Re: Il primo tuffo dell'anno.

Messaggio Da spartaco il Mar Mar 17, 2009 7:47 pm

Ciao Marcello, complimenti per il racconto.
Sono contento che esista ancora qualcuno capace di emozionarsi anche in pochi metri, oggi sembra che la subacquea vada solo nella direzione della profondità.
Nel nostro piccolo forum troverai sempre spazio per i tuoi racconti,sono sempre pochi quelli che si impegnano a scrivere due righe sulle loro emozioni vissute subacquando, figuriamoci un racconto così è sempre ben accetto.
Buone bolle a te e alla tua signora.
p.s. che modello di gav hai comprato?

Spartaco
avatar
spartaco

Numero di messaggi : 552
Età : 55
Località : Firenze
Data d'iscrizione : 04.12.08

http://www.sub-way.it

Torna in alto Andare in basso

Re: Il primo tuffo dell'anno.

Messaggio Da Marcello il Mer Mar 18, 2009 7:14 am

Ciao Spartaco, ti ringrazio dei complimenti..... :oops: :oops:
Si, è proprio come dici tu: io sono ancora un "ragazzo".... capace di emozionarmii anche in pochi metri d'acqua (anche se ammetto di amare molto la profondità, le grotte e i relitti....):roll:
Vi manderò i miei racconti, e racconterò le mie emozioni.... :D Se a te e ai tuoi amici piace come scrivo.... cercate il mio ultimo libro, oppure andate a visitare il mio piccolo sito e.... lasciatemi un commento.:)

Buone bolle anche a te !!!! :cheers:
p.s. il mio nuovo gav è un comodissimo Eclipse.... molto più "tranquillo" del mio Eleven Tek dell'Audaxpro..... :lol: un vero giocattolo!! :)
avatar
Marcello

Numero di messaggi : 188
Età : 66
Località : Riviera del Conero (AN)
Data d'iscrizione : 08.03.09

http://www.marpola.it

Torna in alto Andare in basso

Re: Il primo tuffo dell'anno.

Messaggio Da sise il Mer Mar 18, 2009 11:05 am

Ciao marcello,
sono anche io un "ragazzo" che ancora si emoziona solo mettendo la testa sott'acqua.
ci farebbe piacere sicuramente leggere dei tuoi racconti, tra l'altro scrivi molto bene e questo è un bel pregio.
sono andato a vedere il tuo sito e ti faccio i miei sinceri complimenti. sicuramente ben fatto e con tantissimo lavoro dietro.
ci vorrà del tempo per leggerlo tutto ma sarà un piacere.
ho il tuo libro a casa e ti prometto che appena ho finito di leggerlo, ti darò un parere sincero.
mi ci vorrà un pò di tempo perchè devo finirne uno piuttosto "voluminoso".
complimenti ancora "mitico".
s
avatar
sise

Numero di messaggi : 383
Età : 54
Località : MARE
Data d'iscrizione : 09.12.08

Torna in alto Andare in basso

Re: Il primo tuffo dell'anno.

Messaggio Da Ospite il Mer Mar 18, 2009 6:10 pm

ciao,è da poco che mi sono affacciata nel mondo della subacquea,e mi rendo conto che è fantastico,specialmente se le prime immersioni le fai con la persona a cui vuoi bene.Il tuo racconto è emozionante e scritto con la passione di una persona che vive per il mare.
grazie e scrivi ancora

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

r

Messaggio Da Andrea_N il Gio Mar 19, 2009 1:25 pm

[quote:6778="elisabetta diving"]ciao,è da poco che mi sono affacciata nel mondo della subacquea,e mi rendo conto che è fantastico,specialmente se le prime immersioni le fai con la persona a cui vuoi bene.Il tuo racconto è emozionante e scritto con la passione di una persona che vive per il mare.
grazie e scrivi ancora[/quote]


aaaaagggghh Elisabetta, vuoi dire che con me non ti immergerai mai? :(
Scherzo!! prima o poi però mi capiterai tra le grinfie!
Un abbraccione,
A.

Andrea_N

Numero di messaggi : 26
Località : Quarrata (PT)
Data d'iscrizione : 04.01.09

http://www.andreaneri.net

Torna in alto Andare in basso

Re: Il primo tuffo dell'anno.

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum